Marco Simoncelli

Buon compleanno Sic!

- Avrebbe compiuto 25 anni. La sua famiglia lo ricorda con una festa all'insegna del divertimento, come sarebbe piaciuto a Marco al 105 Stadium di Rimini
Buon compleanno Sic!


20 gennaio 1987 - 23 ottobre 2011


Marco Simoncelli avrebbe compiuto 25 anni. Avrebbe festeggiato con la sua famiglia, con la fidanzata Kate e i loro tantissimi amici.
E, da bravo "casinista", Marco avrebbe sicuramente apprezzato l'evento organizzato per lui dai suoi cari: la famiglia Simoncelli vuole ricordarlo oggi, nel giorno del suo compleanno, con un'iniziativa all'insegna del divertimento e con i grandi comici del Cabaret Italiano.

Al 105 Stadium di Rimini si esibiranno I Giuseppe Giacobazzi, Mancio& Stigma (gli EMO di Zelig), Giovanni Vernia e tanti altri. Così il compleanno del Sic sarà un evento in grande stile e all'insegna del buonumore che da sempre lo caratterizzava, e anche tutti i suoi fan potranno festeggiare il loro Campione.

La serata-evento sarà condotta da Sergio Sgrilli e l'incasso (23 Euro per il parterre e 17,50 per la tribuna, questi i costi dei biglietti) sarà devoluto alla Fondazione Simoncelli.

Anche Coriano ricorda il Sic


Anche la piccola città emiliana rende omaggio a Marco nella ricorrenza del suo 25º compleanno.
Un’atmosfera speciale avvolge oggi il piccolo paese dell’Emilia Romagna che ha dato i natali 25 anni fa al Sic. Diverse le manifestazioni organizzate per omaggiare la sua memoria: si comincia dalle prime ore della mattinata, per l’esattezza alle 10:30, con l’evento ufficiale di intitolazione del "Palazzetto dello Sport" al numero 58.

Il Commissario Straordinario del Comune di Coriano, Maria Virginia Rizzo, affiancato per l’occasione dal padre del campione italiano, Paolo Simoncelli, scopriranno l’insegna del "Palazzetto dello Sport Marco Simoncelli" con la presenza di familiari, autorità pubbliche e sportive, appassionati e curiosi, il tutto accompagnato dalla musica dei maestri e degli allievi della Scuola di Musica "Draghi" di Coriano.

Terminata la cerimonia, verrà proiettata l’immagine dell’opera che il noto street artist italiano "Eron" (Davide Salvadei) realizzerà nei prossimi mesi proprio sulle pareti del Palazzetto, ovvero un grande murales dedicato al Campione del Mondo 250cc 2008.

Inoltre, proprio da oggi, l’Agenzia Mobilità e la TRAM Servizi assegneranno il numero 58 alla linea del servizio pubblico Riccione-Aquafan-Coriano. Da ricordare poi che sempre a Coriano sono iniziati i lavori di sistemazione dell’area dove sarà posta la statua di Marco Simoncelli: il monumento ritrarrà ‘SuperSic’ sul podio di Phillip Island 2011, l’ultimo conseguito nella sua avventura in MotoGP.


Chi era Marco Simoncelli


Nato a Cattolica il 20 gennaio del 1987 e residente a pochi passi dalla pista di Misano Adriatico, Marco Simoncelli iniziato la sua carriera agonistica in sella alle minimoto, laureandosi Campione Italiano nel 1999 e vicecampione europeo nel 2000.

A 14 anni la sua avventura agonistica subisce un'evoluzione con il debutto nelle moto grazie al trofeo Honda NSR e poi nell'italiano 125 GP: trampolini di lancio che lo portano a laurearsi Campione Europeo nella classe 125 nel 2002, anno in cui debutta nel motomondiale con l'Aprilia 125 del team CWF - Matteoni Racing: 3 i punti conquistati quell'anno, 33esima la posizione in classifica, con un tredicesimo posto in Portogallo come miglior risultato.
 

Gli esordi


Il 2003 è però l'anno che gli permette di iniziare a farsi vedere tra i grandi del Mondiale. Compagno di squadra di Mirko Giansanti, Simoncelli ottiene un eccellente quarto posto nel GP della Comunità Valenciana chiudendo la stagione al 21esimo posto con 31 punti.


Risultati ambiziosi per un ragazzo di 16 anni, che alla seconda stagione completa di Motomondiale 125 (questa volta con il team Rauch Bravo) centra una fantastica vittoria ad Jerez sotto la pioggia. Una caratteristica, la capacità di andare forte sul bagnato, che conferma anche a Brno dove guadagna la pole position in condizioni meteo tutt'altro che ottimali.


Il 2004, nonostante i due exploit, è però una stagione poco redditizia in termini di risultati: la posizione in classifica generale, infatti, lo vede solamente all'11esimo posto con appena 79 punti.


La sensazione, però, è quella che marco "ci sia" e nel 2005 il team Nocable.it Race decide di ingaggiarlo affiancandolo su una Aprilia a Joan Olivé. Arriva una vittoria a Jerez e sei podi, di cui un secondo posto a Barcellona e quattro terzi posti: Germania, Repubblica Ceca, Qatar e Australia.


Il debutto in 250


Risultati che valgono la bellezza di 177 punti, un quinto posto in classifica ed una Gilera 250 per la stagione 2006, tecnicamente gestita da Rossano Brazzi, oggi tecnico di Max Biaggi in SBK ed in passato di Valentino Rossi e Marco Melandri. La stagione è un po' sfortunata, anche per via dei problemi di salute dello stesso Brazzi, ma si chiude con un onorevole decimo posto e 92 punti in classifica, con un sesto posto in Cina.


L'anno successivo - 2007 - le politiche sportive del Gruppo Piaggio prevedono che marco corra sì nel team Gilera ufficiale, ma con moto privata. La RSW 250 LE, di fatto una Aprilia, non è sufficientemente potente per le dimensioni di marco e nonostante le cure di Aligi Deganello il miglior risultato sono due sesti posti e 97 punti in classifica.


Il titolo Mondiale 250


Stessa situazione tecnica nel 2008 ma con risultati diversi, grazie anche all'esperienza ormai maturata nella categoria. Nonostante i due zeri iniziali Marco dimostra sin da subito un'elevatissimo livello di competitività, che si concretizza poi nelle corse del Mugello e di Barcellona. Risultati che, finalmente, convincono i vertici del Gruppo Piaggio a fornirgli una moto ufficiale, con la quale non delude le aspettative: al Sachsenring vince con 10" secondi di vantaggio su Kallio, giungendo sul gradino più alto del podio a Motegi e Phillip Island.


Una stagione speciale, che diventa magnifica proprio a Sepang, dove grazie ad un terzo posto si aggiudica il primo titolo nel Motomondiale.


Nel 2009, da Campione del Mondo, cerca il salto in MotoGP ma intelligentemente preferisce attendere un pacchetto tecnico più competitivo rispetto a quelli che gli erano stati offerti. Prosegue, dunque, la collaborazione con Gilera che gli offre sin dall'inizio il miglior trattamento tecnico possibile.


La stagione non è delle più fortunate, almeno all'inizio, per via di un infortunio che lo costringe a saltare il primo appuntamento in Qatar ed a correre non al 100% le prime corse della stagione: torna il Simoncelli che tutti conosciamo al Mugello, dove ingaggia una lotta incredibile con Pasini, e poi al Saschsenring dove conquista la sua decima vittoria nel motomondiale.


SIC vince anche a Brno, ad Indianapolis, in Portogallo ed in Australia, ma il differenziale di punti accusato anche per via della cadute di Misano e per l'infelice corsa di Sepang, dove solo il giro più veloce è in grado di attribuire la seconda posizione a Barberà a fronte di un photofinish per il secondo posto non sufficiente a decretare il vincitore.


Nell'ultima corsa di Valencia l'italiano le prova tutte, ma i 21 punti da recuperare su Aoyama sono tanti e lo portano all'errore, che gli costa anche il secondo posto in classifica generale in favore di Barberà.


Con il cuore in pista e la testa alla MotoGP, dove lo attende una RC212V Factory Spec al Team Gresini, Marco affronta anche una gara in Superbike in sella alla Aprilia RSV4 ufficiale lasciata libera dall'infortunato Nakano: in qualifica Marco dimostra subito un certo feeling con le quattro tempi, ottenendo un ottavo posto in griglia, mentre in corsa arriva ad ottenere un terzo posto eccezionale superando di prepotenza il più esperto compagno di squadra Max Biaggi.


Il salto in MotoGP


Nel 2010 la RC212V, ma soprattutto la MotoGP, sono elementi completamente nuovi e da scoprire per marco. Nonostante tutto ottiene un ottimo quarto posto in Portogallo e 125 punti, che valgono l'ottavo posto in classifica generale.

Il massimo potenziale di Marco, però, viene fuori nella stagione 2011: al secondo anno in sella alla Honda dimostra un maggior affiatamento con la moto, che lo portano in Pole Position al GP di Francia e d'Olanda. Dopo i due quinti posti di inizio stagione arriva anche il primo podio in carriera nella massima classe,con un terzo posto al GP della Repubblica Ceca che vale moltissimo. Finisce quarto anche a Misano e secondo in Australia, ultima corsa in cui ha tagliato la bandiera a scacchi.


Il GP di Sepang, infatti, è l'ultima corsa in carriera. Marco ha perso il controllo della moto finendo tragicamente investito da Colin Edwards e dal grande amico Valentino Rossi. Inutili i soccorsi: Marco arriva al centro medico del circuito in arresto cardiaco. Alle 11:03, ora italiana, viene comunicato ufficialmente il decesso: Marco lascia papà, mamma ed una sorella più giovane oltre che la fidanzata Kate.

La passione di Marco: i motori

  • Hatred, Rapallo (GE)

    Ciao Sic...

  • ivano4812, Torino (TO)

    auguroni Marco!!!!!!

    sei sempre in mezzo a noi campione ........... ti vogliamo bene ........ BUON COMPLEANNO!!!!!!!!
Inserisci il tuo commento