Novità 2022

Ducati DesertX 2022. La presentazione della novità maxi enduro [VIDEO]

- L'ultimo episodio della Ducati World Premiere accende i riflettori sull'attesa maxi enduro DesertX. La presentazione fisica a Dubai e quella digitale online. Con 110 cavalli e 202 kg a secco, la DesertX va in vendita a 15.990 euro

Con la presentazione dell'attesa DesertX si completano le novità Ducati targate 2022 che sono state svelate con la Ducati World Premiere iniziata il 30 settembre con la Multistrada V2.

Dopo essere stata mostrata in veste di concept a EICMA 2019, la DesertX viene presentata con il tradizionale appuntamento online della World Premiere a cui si aggiunge in contemporanea quella fisica di Expo 2020 Dubai, presso la Dubai Opera nei pressi della famosa Burj Khalifa Tower.

Ducati è infatti presente a questo evento internazionale insieme a i marchi della Motor Valley emiliano-romagnola presentando il meglio del Made in Italy nel campo auto e moto.

Iniziamo con il video della presentazione ufficiale (qui sopra) mentre qui trovate la descrizione della moto, le immagini e i dati della prima Ducati Maxi enduro con l'avantreno da 21 pollici che ha radici nelle Elefant motorizzate Ducati che partecipano e vinsero alla Paris-Dakar.

Il motore è il Testastretta 11° 937 cc  (da 110 cavalli di potenza a 9.250 giri), la ruota anteriore è  da 21 e da 18 quella posteriore; le sospensuioni sono a  lunga escursione: Kayaba e completamente regolabili.
Il telaio a traliccio di acciaio è stato disegnato appositamente per la Desert X e il peso a secco è di 202 kg.

Al serbatoio principale da 21 litri se ne può aggiungere uno posteriore da 9 litri.

Prezzo a partire da 15.990 euro.

La scheda tecnica


DUCATI DESERTX 2022
MOTORE Testastretta 11°, Bicilindrico a L, Distribuzione Desmodromica 4 valvole per cilindro, Raffreddamento a liquido
CILINDRATA 937 cc
ALESAGGIO X CORSA 94 x 67,5 mm
RAPPORTO DI COMPRESSIONE 13,3:1
POTENZA 110 CV (81 kW) @ 9.250 giri/min
COPPIA 9,4 kgm (92 Nm) @ 6.500 giri/min
ALIMENTAZIONE Iniezione elettronica , Corpi farfallati Ø 53 mm con sistema Ride-by-Wire
SCARICO Monosilenziatore e terminale in acciaio inossidabile, Catalizzatore e 2 sonde Lambda
CAMBIO 6 marce
TRASMISSIONE PRIMARIA Ingranaggi a denti dritti, Rapporto 1,85 : 1
RAPPORTI 1=38/14 2=31/17 3=28/20 4=26/22 5=24/23 6=23/25
TRASMISSIONE SECONDARIA Catena, Pignone Z15, Corona Z49
FRIZIONE Multidisco in bagno d'olio con comando idraulico, Sistema di asservimento e antisaltellamento
TELAIO Traliccio in tubi di acciaio
SOSPENSIONE ANTERIORE Forcella KYB a steli rovesciati Ø 46 mm completamente regolabile
ESCURSIONE RUOTA ANTERIORE 230 mm
RUOTA ANTERIORE A raggi tangenziali, tubeless, 2.15"x21"
PNEUMATICO ANTERIORE Pirelli Scorpion Rally STR 90/90 - 21 M/C 54V M+S TL (A)
SOSPENSIONE POSTERIORE Monoammortizzatore KYB completamente regolabile, Regolazione remota del precarico molla, Forcellone bi-braccio in alluminio
ESCURSIONE RUOTA POSTERIORE 220 mm
RUOTA POSTERIORE A raggi tangenziali, tubeless, 4.5"x18"
PNEUMATICO POSTERIORE Pirelli Scorpion Rally STR 150/70 R18 M/C 70V M+S TL
FRENO ANTERIORE 2 dischi semiflottanti Ø 320 mm con campana in alluminio, Pinze Brembo monoblocco ad attacco radiale a 4 pistoncini, Bosch Cornering ABS
FRENO POSTERIORE Disco Ø 265 mm, Pinza Brembo flottante a 2 pistoncini, Bosch Cornering ABS
STRUMENTAZIONE Display TFT da 5"
PESO A SECCO 202 kg
PESO IN ORDINE DI MARCIA* 223 kg
ALTEZZA SELLA 875 mm
INTERASSE 1608 mm
INCLINAZIONE CANNOTTO 27,6°
AVANCORSA 122 mm
CAPACITÀ SERBATOIO CARBURANTE 21 l
NUMERO POSTI 2
EQUIPAGGIAMENTO DI SICUREZZA Ducati Safety Pack (ABS Cornering , Ducati Traction Control DTC)
EQUIPAGGIAMENTO DI SERIE Riding Mode, Power Mode, Ducati wheelie control (DWC), Engine Brake Control (EBC), Ducati Quick Shift up/down (DQS), Cruise control, impianto luci full LED, DRL, Ducati brake light (DBL), presa USB, presa 12V, Spegnimento automatico indicatori di direzione, Ammortizzatore di sterzo
PREDISPOSIZIONE Ducati Multimedia System (DMS), Antifurto, Turn-by-turn Navi, faretti fendinebbia, manopole riscaldate, serbatoio ausiliario
GARANZIA E MANUTENZIONE
GARANZIA 48 mesi, chilometraggio illimitato
INTERVALLI DI MANUTENZIONE 15.000 Km/ 24 mesi
CONTROLLO GIOCO VALVOLE 30.000 Km
EMISSIONI E CONSUMI
STANDARD Euro 5
EMISSIONI CO2 133 g/km
CONSUMI 5,6 l/100 km

 

  • kodiak59, Bergamo (BG)

    Max…. nemmeno KTM fino a poco tempo aveva esperienza in MotoGp …eppure oggi se la gioca con le case che sono li da una vita. Quindi perché Ducati non dovrebbe essere in grado di realizzare una valida enduro stradale?
    Da metà anni 80 e per una decina d'anni Ducati venne acquisita da Cagiva dei F.lli Castiglioni (che di fuori strada ne hanno masticato parecchio) e in sinergia con Ducati, utilizzando i motori Pantah, allestirono le famose e gloriose Elefant che gareggiarono (e vinsero) alla Dakar …sviluppando quindi un notevole bagaglio tecnico e di esperienza “off road” che sicuramente non è andato perduto e quindi si può affermare con cognizione di causa che in Ducati il fuori strada non sia affatto un argomento sconosciuto.
    Bagaglio che sommato alla modernissima tecnologia di cui Ducati dispone, ha consentito ai suoi tecnici di allestire questa bellissima, evoluta ed evocativa “endurona” che entrerà a pieno titolo e senza timori reverenziali in concorrenza con tutte le altre moto del settore.
    Quanto alle ruote. La moto con il 21”- 18” va su asfalto ne più ne meno di tutte le altre con le ruote più piccole e in più ci fai anche fuoristrada in sicurezza. Per far emergere differenze significative nella conduzione su strada bisogna spingersi a velocità altamente pericolose e inappropriate …anche per le 19” e le 17” quindi il “problema” non si pone e le tue affermazioni sull’inutilità e l’insicurezza di tale soluzione sono del tutto arbitrarie e infondate.
    Infine visto che tu il fuori strada lo fai solo in bici perché ammetti che farlo con una moto "non è cosa tua” (nulla di male), non vedo perché continui ad ironizzare e sminuire chi invece l’off road lo fa sul serio anche con queste moto. Su Moto.it immagino non ti saranno sfuggiti i servizi sulla Pavia Sanremo o sulla Hard Alpi Tour tanto per citarne due delle tante iniziative similari dove il fuoristrada lo fanno davvero e non nel vialetto di casa o sulla “ghiaiata” per arrivare all’agriturismo. Quanto invece al rischio di disfarle cadendo… è una scelta personale e saranno poi fatti di chi ce le porta, in fondo ognuno con i propri soldi fa quel cavolo che gli pare …mica vengono a cercarli a te.
  • samir01, Cammarata (AG)

    La trovo bella.
    Ma fare una cosa bella risparmiando su un po' di superfluo (quick shift, controllo di trazione, 15 mappe, luci che seguono la curva, tft, cazzi e mazzi ...) a 10.000 - 11.000 sarebbe stato meglio per i miei gusti.
    Troppi soldi per troppi inutili orpelli.
    O forse sono io che ci metto troppo a guadagnarli.
Inserisci il tuo commento