attualità

In Francia partono le prime aree di servizio attrezzate per i motociclisti

- La APRR, che gestisce alcuni tratti autostradali francesi, ha appena lanciato in collaborazione con Dafy delle aree di servizio attrezzate per accogliere degnamente i bikers
In Francia partono le prime aree di servizio attrezzate per i motociclisti

L'autostrada non è il percorso preferito dei motociclisti: a parte la monotonia nella guida, sulle autostrade si perde il gusto della scoperta del viaggio, che resta talvolta un monotono trasferimento da liquidare il prima possibile, restando sempre sotto i limiti di velocità. Da chi teme gli infiniti rettilinei squadragomme e chi invece non riesce a rinunciare a quella piacevolissima sensazione di bighellonare con la moto per le statali, tutti possiamo concordare che in generale le autostrade sono più a misura di automobile che non di motocicletta.

Dalla Francia, però, arriva una buona notizia: le aree di servizio autostradali per motociclisti. L'Autoroutes Paris-Rhin-Rhône (APRR), che gestisce alcuni tratti autostradali nella regione tra Parigi e Grenoble, ha appena lanciato in collaborazione con Dafy, delle aree di servizio attrezzate per accogliere degnamente i biker. Tra le peculiarità dell'iniziativa l'opportunità di trovare eventuali accessori o ricambi motociclistici che permettono di risolvere l'80% delle esigenze di chi viaggia in moto, ma che è alle prese con un imprevisto (pensiamo ai guanti, kit riparazione, kit medici obbligatori in Francia e a tutte quelle esigenze che in autostrada non potrebbero essere risolte senza uscirne e dirigersi verso un centro abitato), senza alcun ricarico ulteriore nei prezzi rispetto a quanto proposto fuori dalla rete autostradale dalla stessa Dafy.

In queste aree è possibile riporre in custodia gratuita il casco, e in alcune ai motociclisti viene pure offerto l'espresso e messo a disposizione uno spazio per chi fa uno stop durante un temporale e desidera asciugare l'abbigliamento. Attualmente il servizio è presente sulle A6, A43, mentre da novembre in poi sono previste ulteriori aperture anche sulle A39, A40 e A31.

L'iniziativa fa il paio con quella lanciata da Repsol in Spagna, dove 25 aree di servizio Moto Stop Repsol sono già in funzione, e offrono servizi simili a quelli proposti dalla APRR. Si diffonderanno anche in Italia?

 

  • Rstrom, Genova (GE)

    Quando tornavo dalla Francia la prima cosa che mi colpiva era lo squallore delle nostre autostrade.
    Sono passato sul ponte crollato a Genova migliaia di volte.
  • Gibix, Casnate con Bernate (CO)

    da noi ancora non fanno i parcheggi per moto nei centri commerciali o di pubblica utilità (tipo ospedali), per non dire la quantità risicata di stalli nelle città, spesso occupati impunemente da automobilisti menefreghisti. figuramoci se fanno qualcosa sulle autostrade.
Inserisci il tuo commento