Tutorial

Tutorial: Moto in sicurezza d'inverno

- Lasciare la moto in garage durante la brutta stagione è veramente un peccato, noi non abbiamo resistito e nonostante il freddo abbiamo fatto un lungo giro per le strade dell'Etna per ricordarvi alcuni dei capisaldi – e un vecchio trucco - della guida motociclistica invernale

Non è che al primo freddo la moto debba per forza andare in garage e restarci fino a marzo: nulla da ridire su chi preferisce andare in motocicletta soltanto durante la bella stagione, ma è anche vero che molti di noi - per piacere o per necessità - vanno in moto tutto l'anno e, nei mesi invernali, le condizioni di guida rendono necessario adeguare equipaggiamento e dotazione per essere sempre al 100% della sicurezza.

Per quanto possa apparire improbabile, sì: anche in Sicilia può fare decisamente freddo e il luogo comune che nell'isola si possa stare in spiaggia tutto l'anno va purtroppo sfatato con una punta di rammarico. Sopratutto sull'Etna oltre i 1800 metri s.l.m. le temperature possono tranquillamente scendere sottozero anche di giorno e le strade annegate tra le pinete e la lava  possono rappresentare un banco di prova tutt'altro che compiacente per pilota, moto, dotazioni e accessori: un teatro idoneo per questo video dove facciamo un veloce ripasso di quanto l'esperienza, il buon senso e le norme del c.d.s. impongono quando si gira in moto con temperature basse e su di un asfalto dal grip non ottimale; consigli che magari molti di noi già conoscono ma... ribadire è sempre utile.

Le moto moderne sono dotate generalmente di ciclistiche e ausili elettronici che rendono la vita del biker invernale molto più comoda e sicura di quanto non fosse soltanto dieci anni fa: questo non vuol dire però che la soglia di attenzione o la prudenza debbano calare. D'inverno, il freddo è un nemico subdolo che va innanzitutto combattuto con un abbigliamento tecnico (protezioni e paraschiena inclusi!) e senza compromessi, il rischio di intorpidire mani e piedi è alto e può pregiudicare fortemente la sicurezza rendendoci più vulnerabili in caso d'imprevisto, ed è inutile affidarsi ai controlli elettronici senza avere mani e piedi perfettamente efficienti; se volete saperne di più su abbigliamento e accessori invernali vi rimandiamo agli articoli della nostra Bachets sui migliori guanti, le migliori calzature, le migliori giacche e i migliori accessori riscaldabili per affrontare le temperature più rigide, “dotazioni di bordo” che non soltanto rendono il viaggio invernale o la vita urbana in moto più sicura ma anche molto più confortevole.

La stessa motocicletta deve essere in perfetto ordine: noi, in questo video, abbiamo approfittato - e ringraziamo della collaborazione - del supporto logistico del Centro di Sperimentazione Pirelli-Metzeler di Giarre che ci ha messo a disposizione due moto gommate Metzeler Roadtec 01 e Roadtec 01 SE oltre alle autorevoli indicazioni di Vincenzo Bonaccorsi (Pirelli/Metzeler O.E./Technical Relation Platform) su cosa accade con il freddo all'interfaccia moto-asfalto. Per l'occasione abbiamo percorso per la prima volta qualche centinaio di chilometri, fuori dal contesto di un circuito, con le Metzeler Roadtec 01 “standard” in versione HWM. Avevamo già provato le Roadtec 01 SE  (calzate anche dalla Kawasaki Versys 1000 che abbiamo avuto a disposizione per questo video) in estate: in pista e su strada, su due medie crossover, in una pazza sfida in pista, senza tralasciare la versione per gli scooter - se l'argomento vi interessa vi invitiamo ad andare alle pagine delle nostre prove – mentre stavolta abbiamo potuto fare un lungo giro su una BMW R 1250 RT dotata della versione HWM destinata, appunto, alle moto più pesanti come le grosse Tourer, specie se a pieno carico. Le temperature basse (fino a zero gradi) non hanno inficiato l'ottimo feeling, nessuna sensazione di maggiore rigidità sulle sconnessioni o quando le sospensioni lavorano nell'ultima parte della loro escursione e, per finire, il grip anche sui fondi a scarsa aderenza è stato tale da non permetterci quasi di apprezzare la soluzione di continuità tra i tratti umidi e quelli asciutti, restituendo invece una grande sensazione di controllo.

Andare in moto d'inverno può essere una necessità o un piacere: il nostro consiglio e quello di farlo sempre con il massimo possibile della sicurezza.

Foto e Video: Daniele Onorato

Casco: Caberg Levo

Giacca: Ixon Cross Tour Hp

Pantalone: Ixon Cross Tour 2PT

Guanti: Ixon Pro Rescue

Scarpe: Ixon Soldier Evo

Paracollo: Tucano Urbano


 

  • nitron, Genova (GE)

    Per utilizzo invernale Metzeler cosa consiglia tra Roadtech e Tourance next?
  • MAXPAYNE IT, Fusignano (RA)

    È proprio in inverno e in condizioni non ottimali, che l'elettronica delle moto, e gli aiuti vari fanno la differenza.
    Quando si parte con una certa condizione meteo e durante il viaggio le carte in tavola cambiano fino a capovolgersi , le moto moderne rispetto a quelle senza elettronica, o abs, fanno una differenza assurda.
    E lo dico per esperienza diretta.
    Ognuno è libero di vederla come crede, ma che nessuno osi dire che l'elettronica in una moto non serve a nulla, o che ad esempio manopole e sella riscaldabile sono boiate da suv.
    Dipende sempre dove ti trovi e cosa pensi di farci con la moto. Ci sono situazioni dove senza quegli ausili, semplicemente non vai in moto. Se non per pochi minuti.
    A volte mi chiedo se chi critica per partito preso, abbia almeno due neuroni funzionanti....mi sembra ne abbiano solo uno.
Inserisci il tuo commento